Visualizzazione di tutti i 4 risultati

In Paradiso

38,00

In Valle d’Aosta, l’alpeggio è chiamato “la montagna”, proprio come nel Vallese, nelle alte valli del Piemonte e in buona parte della Savoia, così come altrove nelle Alpi. Il nome indica allo stesso tempo la casa alpina, le stalle e tutti i pascoli.

“Allé eun montagne / Andare in montagna” significava esclusivamente salire sull’alpeggio o addirittura lavorare sugli alpeggi durante i cento giorni della stagione estiva: da San Bernardo a San Michele.

Ed è ancora oggi, il significato principale di questa espressione per le persone di più di 60 anni che parlano il patois.
È solo negli ultimi 40 anni che la stessa espressione significa anche fare una passeggiata in montagna o scalare una vetta. In precedenza, l’idea stessa di fare una passeggiata in montagna era difficile anche solo da concepire per un montanaro.

Tonino Mosconi

Geographica

  • Libro fotografico in Bianco e Nero con testi in italiano e francese.
  • Cartonato rigido con sovraccoperta plastificata opaca
  • 112 pagine in carta patinata opaca
  • Formato 24 x 33 cm. orizzontale chiuso, 24 x 66 cm aperto
  • Stampa duotone + lucidatura

 

La Favola dei Carbonai

40,00

Questo progetto racconta un mestiere antichissimo e quasi dimenticato: il mestiere del Carbonaio. Figure quasi fiabesche, i carbonai lavorano nelle montagne e nei boschi, luoghi di fiabe per eccellenza.

A Borgo Pace, nell’Alta Valle del Metauro ai piedi dell’Appennino marchigiano, una piccola comunità di Carbonai e Boscaioli non si è arresa alle regole del mercato globale e alle logiche del risparmio a scapito della qualità, e continua, anno dopo anno, nella creazione di un prodotto di qualità unica al mondo. Una produzione ininfluente per le dinamiche dell’odierna economia di mercato, ma di straordinaria rilevanza per la qualità dell’ambiente (il carbone vegetale non inquina) e della vita in genere.

Sono uomini che non trascorrono più, come i loro padri o i loro nonni, intere stagioni nei boschi; oggi le carbonaie si costruiscono dietro casa; si usa la sega elettrica al posto dell’accetta e il trattore al posto dei muli. Ma sono uomini che sanno ancora parlare con gli alberi e domare il fuoco, sanno capire il vento e rispettare i ritmi delle stagioni e della natura. Cambiano gli strumenti di lavoro, migliorano le condizioni di vita. Rimangono inalterati i gesti, i movimenti, le espressioni rivelatrici di un’armonia e di un’antica sapienza tramandata di generazione in generazione, che vive e si rinnova ad ogni rituale di creazione del carbone.

 

Tonino Mosconi

Geographica

  •  Libro fotografico in Bianco e Nero 
  • 112 pagine in carta patinata da 170 g
  • Formato 28×24 chiuso, 28×48 aperto
  • Copertina rigida, rilegatura in sedicesimi
  •  Stampa duotone + lucidatura 

 

Montestigliano

30,00

L’azienda agricola della nostra famiglia si sviluppa in una posizione unica, su di una collina che domina la pianura del fiume Merse e la dolce campagna senese, ed è circondata da 1.000 ettari di terreno. Qui da oltre cinquant’anni ci dedichiamo all’agricoltura e da oltre trent’anni offriamo ospitalità ai turisti nelle autentiche case coloniche.

Lungo la collina, su antichi terrazzi tra muretti a secco e generose piante di fico, coltiviamo l’olivo (duemila piante) dal quale otteniamo il pregiato olio DOP (Denominazione di Origine Protetta) Terre di Siena. Nella pianura invece, su 300 ettari di terreno, alterniamo colture di frumento duro, tenero, orzo, girasole, colza, mais, erba medica e favino.

Non tutto il terreno però è coltivato, una buona parte (circa 700 ettari) resta boschivo e si articola in viali di cipressi, lecci e sughere dove è possibile fare lunghe e fresche passeggiate accompagnate da un bagno nel fiume Merse.

 

Tonino Mosconi

Geographica

  • Libro fotografico in Bianco e Nero con testi in italiano e francese.
  • Cartonato rigido con sovraccoperta plastificata opaca
  • 96 pagine in carta patinata opaca
  • Formato 21 x 29 cm. verticale chiuso, 29 x 42 cm aperto
  • Stampa duotone + lucidatura

 

Quinta Stagione

30,00

Il Lago d’Orta, le valli e le montagne intorno, appartengono a quei luoghi che a volte sembrano sfuggire a un preciso collocamento nel tempo e nell’ordine conosciuto delle cose.
Sono luoghi in cui si può trascendere la dimensione del reale condiviso e accedere a spazi di percezione che non hanno più riferimenti definiti e precisi con l’ordinario.
Si entra allora in quella dimensione dell’“oltre” dove i sensi si fanno silenziosi spettatori del mistero della vita, lasciando essere le cose per quello che sono, senza fare rumore di pensieri o parole.

Quinta stagione presenta il Lago d’Orta in questa dimensione dell’ “oltre” attraverso le parole di viaggiatori e poeti che l’hanno vissuta e raccontata.
L’immagine, come la poesia, attraverso luce e forma, gesto e momento, può cogliere e rendere visibile quell’attimo di eternità in cui il mondo si rivela nella sua verità essenziale.

 

Tonino Mosconi

Geographica

  • Libro fotografico in Bianco e Nero 
  • 72 pagine in carta patinata opaca 
  • Formato 21×24 chiuso, 21×48 aperto
  • Copertina in cartonato rigid0, con foto in sovraimpressione
  • Stampa duotone + lucidatura